Questo sito utilizza cookie. Proseguendo la navigazione nel sito si

acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

Contenuto Principale

 

 

presidenza - 0458010436 - 3496304936  

Alle persone con disabilità, alle famiglie, alle associazioni

 

4 MARZO 2015 - MANIFESTAZIONE PER LA DIFESA DEI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITÀ

Il corteo parte dalla stazione ferroviaria di Venezia Santa Lucia alle ore 10,00

SIT-IN a palazzo Ferro Fini alle ore 11.00

LA FISH DEL VENETO ADERISCE E INVITA TUTTI I CITTADINI A PARTECIPARE

 

Il Consiglio regionale mercoledì 4 marzo inizierà la discussione sul bilancio di previsione per il 2015, un bilancio al di sotto di ogni aspettativa che non vede l’emergenza sociale e affonda i servizi socio-sanitari. Tutti i servizi alla persona sono in sofferenza e alcuni a rischio, come abbiamo già pubblicamente denunciato, in primo luogo i servizi di assistenza all’autonomia e alla comunicazione per gli alunni sordi e ciechi e i servizi di trasporto per gli studenti con disabilità delle scuole superiori. Alla manifestazione indetta da UICI, ENS, FIADDA (associazione aderente a FISH) e altre associazioni, aderisce e partecipa anche la FISH del Veneto.  

Serve un intervento finanziario straordinario con questo bilancio, non si rimandi ad un prossimo futuro, per l’ennesima volta, scelte che sono indispensabili ora.  

E’ necessario unire le forze e far sentire la nostra ferma volontà di non permettere altri arretramenti sul sociale. Il bilancio 2015 va costruito partendo dal presupposto che i servizi devono essere mantenuti ed incrementati. La regione Veneto deve assumersi le proprie responsabilità e fornire adeguate risposte. La nostra protesta inizia con questa manifestazione e si concluderà solo con la garanzia della continuità dei servizi fino ad oggi erogati dalle Province.

Difendere i diritti degli alunni e degli studenti è un dovere. Il Presidente Zaia esca dal silenzio e faccia sentire la sua voce, lasci perdere gli slogan e dica cosa intende fare e come.  

Ai consiglieri regionali chiediamo di non permettere nuovi tagli ai servizi, di non ricorrere allo scambio di accuse sulle responsabilità e di affrontare il problema. I fondi sociali e per la non autosufficienza devono essere significativamente incrementati. Si voti il bilancio di previsione solo dopo aver trovato le risorse finanziarie necessarie.

 

per la FISH del Veneto

Flavio Savoldi

 _____________________

 

 

presidenza - 0458010436 - 3496304936 

 

Comunicato stampa

 Padova, 16 febbraio 2015

 

AGLI ORGANI DI INFORMAZIONE

 

TUTELARE ALUNNI E STUDENTI CON DISABILITA’

GARANTIRE I SERVIZI

 

Il decreto legislativo 112/1998 (art. 139, comma 1 c) attribuiva alle Province il compito di garantire assistenti educativi e della comunicazione (AEC). Il loro supporto è essenziale soprattutto nel caso di alunni sordi, non vedenti, ipovedenti o con pluriminorazioni ed è espressamente previsto dalla legge. Le Province dovevano inoltre assicurare (gratuitamente) il trasporto scolastico alle persone con disabilità nelle scuole superiori.

A chi competono tali competenze ora che le Province sono state “soppresse”? Ai Comuni, alle Città Metropolitane o alle Regioni, è perfino ovvio, ma nessuno ne parla, i provvedimenti per attribuire le competenze non sono stati emanati e il rischio che servizi così importanti possano essere sospesi è reale. Stiamo parlando di oltre 1.000 alunni con disabilità sensoriale e di quasi altrettanti studenti delle scuole superiori, ci chiediamo come sia possibile che la Regione non intervenga e che i Comuni non sollevino il problema, quasi non li riguardasse.

La FISH ha chiesto al Governo di ridistribuire subito le competenze: il diritto allo studio non può essere messo in discussione, i servizi non possono essere soppressi, deve cessare lo stato di ansiosa incertezza che sfinisce le famiglie.

Questi i motivi che hanno spinto la FISH del Veneto a chiedere l’intervento del Presidente Luca Zaia. “Dichiari che la Regione Veneto interverrà, se necessario, per tutelare alunni, studenti e famiglie e garantire la continuità dei servizi; dichiari che in attesa della ridefinizione delle competenze la Regione assicurerà la copertura dei costi.

La Federazione Italiana per il superamento dell’handicap e le associazioni aderenti tuteleranno con la propria azione i diritti inviolabili di tutti gli alunni con disabilità sensoriale e di tutti gli studenti con disabilità delle scuole superiori.

La FISH chiede al Consiglio regionale un intervento straordinario a sostegno delle persone con disabilità e non autosufficienti. Serve uno stanziamento in bilancio che permetta di potenziare i servizi socio-assistenziali e socio-sanitari che in questi anni sono stati pesantemente ridotti. Siamo di fronte ad un’emergenza sociale che non deve essere sottaciuta e che richiede una risposta alta e solidale.

 

Flavio Savoldi - presidente FISH veneto

0458010436 - 3496304936

 

pdf button  FISH al presidente Zaia-su servizi Province

pdf button  il gazzettino 5 marzo

pdf button  il mattino 5 marzo 2015

pdf button  venezia 4 marzo 2015 -volantino

 foto manifestazione 5 marzo 2015

 

foto 5 marzo venezia

 

foto 5 marzo

Ricerca / Colonna destra

Cerca nel sito

bonus-ener

agenzia Vita Indipendente

logo-mov-handicap

logo uildm

logo galm

AIASoff